Logo per la stampa
 
 

Provincia Autonoma di Trento - Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente

 

Indagine conoscitiva sull'attuazione di EMAS in Trentino 2010

L'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente ha realizzato tra la fine del 2009 e l'inizio del 2010 un'indagine conoscitiva sull'attuazione di EMAS in Trentino. L'indagine, condotta mediante la somministrazione di un questionario e un'intervista con i responsabili dei Sistemi di Gestione Ambientale, ha riguardato le 36 organizzazioni registrate EMAS da almeno 6 mesi alla data del 1 novembre 2009. Emergono luci ma anche ombre.

Dalla presentazione del report a firma di Fabio Berlanda, direttore dell'APPA:

"Il Trentino, negli ultimi tempi, ha intrapreso con decisione la strada della registrazione EMAS, in particolare quella degli enti pubblici. In pochi anni, dalla prima organizzazione registratasi nel 2005, siamo arrivati alle 64 di questo momento (cifra peraltro provvisoria e destinata a crescere nei prossimi mesi). Ciò fa della nostra provincia uno dei territori italiani ed europei caratterizzati dalla maggiore diffusione di EMAS, soprattutto nel settore pubblico: alla fine del 2009, un ente pubblico su quattro di quelli registrati EMAS in Italia si trovava in Trentino.

Questa situazione rendeva doveroso fermarsi per fare il punto della situazione, verificare la validità di quanto fatto finora, valutare i rischi e i margini di miglioramento per il futuro. Ovvero, svolgere un monitoraggio sull’attuazione di EMAS in Trentino.

L’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente (APPA), che fornisce supporto tecnico agli enti pubblici ed alle categorie produttive per l'applicazione di sistemi di gestione ambientale finalizzati all'ottenimento di certificazioni ambientali e cura la promozione di accordi volontari tra amministrazioni pubbliche e imprese singole e/o associate per il raggiungimento degli obiettivi dello sviluppo sostenibile (tra cui le certificazioni ambientali), ha ritenuto di poter realizzare tale monitoraggio sulla scorta di quanto già fatto nel 2008 dall’Isitituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale (ISPRA) rispetto al territorio nazionale ("Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione di EMAS in Italia", Rapporto ISPRA 86/2008).  

Distinguendosi del rapporto ISPRA, tuttavia, l’APPA ha voluto condurre l’indagine aggiungendo alla somministrazione di un questionario (peraltro molto strutturato) anche l’effettuazione di interviste “faccia a faccia” con i vari responsabili dei sistemi di gestione ambientale e i vari rappresentanti delle direzioni.

Ne è scaturito un lavoro approfondito, tramite cui il lettore può venire a conoscenza nel dettaglio delle caratteristiche dell’attuazione di EMAS in Trentino, e soprattutto può conoscere l’opinione e il commento di chi è stato chiamato a vario titolo ad attuare i sistemi di gestione ambientale all’interno delle organizzazioni.

Il presente report può pertanto essere utile alle stesse organizzazioni che sono state coinvolte nell’indagine, a quelle che nel frattempo si sono registrate e a quelle che stanno ultimando il percorso verso la registrazione. Ma soprattutto può essere utile a chi deve ancora valutare l’opportunità di entrare in quella che, se verranno rimosse le criticità che il report non ha mancato di evidenziare, può trasformarsi in una rete di relazioni e alleanze dal valore ambientale aggiunto. Infine, il presente report può essere utile all’amministrazione provinciale, che tanto ha fatto per incentivare la registrazione EMAS in Trentino, e alla neonata “Scuola EMAS Trentino”, che proprio dalle lacune evidenziate dalla presente indagine può decidere di avviare la propria attività formativa".

 
Leggi il report