Logo per la stampa
 
 

Provincia Autonoma di Trento - Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente

 

In Pedibus a Cles

E' ripartito il servizio di Pedibus a Cles, che vede il convolgimento di genitori, accompagnatori volontari, alunni della scuola primaria di Cles, Comune di Cles, Polizia Municipale e Laboratorio Territoriale della Val di Non.

Il progetto “In pedibus a Cles…,” nasce dalla volontà di rendere continuativa un’iniziativa semplice e importante quale il Pedibus, iniziativa che mette in relazione la salute, alla conoscenza e al rispetto dell’ambiente. La parola ambiente, elemento cardine della conoscenza e dell’esperienza di pedibus snoda i suoi significati nelle molte accezioni e descrizioni che di essa possono essere fatte e conosciute ed esperite dai bambini: l’ambiente inteso come spazio di vita, ambiente antropico, naturale, costruito, fruito, selvaggio, caotico e trafficato, ambiente inquinato o sano. Il progetto vede il coinvolgimento di vari soggetti presenti sul territorio tra cui il Comune di Cles, il Laboratorio Territoriale per lo Sviluppo Sostenibile della Val di Non, il Corpo di Polizia Municipale, insegnanti e non ultimo un consistente numero di accompagnatori volontari, fondamentali per l'attivazione del servizio di Pedibus.

Le finalità del progetto si allineano al progetto Città Sane, promosso dall’Organizzazione mondiale per la salute ad Ottawa già nel 1986: “tendere al miglioramento dell’ambiente fisico e morale di un paese, ponendo la salute dei cittadini al centro dell’attenzione”. Interpretando quanto veniva affermato già 25 anni fa si può affermare che un area urbana sana è un luogo consapevole del fatto che la salute è un bene universale ed è quindi un diritto che va esercitato dalle persone per migliorare la propria condizione, ponendosi come obiettivo il raggiungimento di uno stato di completo benessere. Proporre, organizzare e rendere fruibile il servizio di Pedibus ha un grande significato in termini di promozione di comportamenti sani, di promozione sociale dei soggetti coinvolti (utenti diretti, organizzatori, volontari), di osservazione e conoscenza del proprio ambiente “urbano” di vita, dunque un appropriazione positiva e attivante del proprio spazio di vita quotidiana.

Il servizio di Pedibus iniziato il 12 aprile 2012 si concluderà a giugno con la fine dell'anno scolastico e, visto il successo che sta riscuotendo tra fruitori, piccoli e grandi utenti, genitori, corpo docente, volontari si prevede l'attivazione del servizio anche per il prossimo anno scolastico 2012/2013.